Musica
“Mi piace far canzoni e bere vino” cantava un po’ di anni fa Francesco Guccini nella sua “Avvelenata”.
Non sapevo come iniziare questa introduzione e proprio mentre ascoltavo Guccini, appena ha pronunciato questa frase con la sua inconfondibile erre moscia, non ho potuto fare a meno di rifletterci un momento e di sceglierla come mia prediletta.
Ho scelto questo verso perché, a parte la mia grande ammirazione per il nostro cantautore, credo che spieghi al meglio sia l’atteggiamento di chi scrive e fa della musica, sia quello di chi l’ascolta. Non è una semplice dichiarazione di disimpegno o un semplice atto ribelle: probabilmente è l’esatto contrario. Perché, spesso e volentieri, è proprio l’astratta ed eterea ribellione (quella delle parole, quella delle note ancora non in armonia tra loro) che non distrugge ma, piuttosto, crea l’interezza della musica stessa. Senza un po’ di sana “ebbrezza”, senza la voglia di divertirsi, senza un po’ di sano folklore - proprio quello che Guccini è capace di trasmettere, proprio quello simboleggiato dal “vino” - le canzoni non si fanno.
Proprio per questo motivo, non solo è importante incentivare la realtà musicale locale come luogo in cui si genera la “sana ebbrezza”, ma è addirittura indispensabile. Esperienze, sogni, aspettative, idee. Sia dalla parte dei musicisti, che da quella degli ascoltatori. La rubrica vuole la creazione di uno spazio che possa essere d’interesse comune e che, allo stesso tempo, possa accomunare le esperienze più diverse.
Perché “a canzoni si fan rivoluzioni” e anche poesia e, come Guccini continua ad insegnarci... “a culo tutto il resto!”.

Riflessioni post Sanremesi di quasi vitale importanza sul festival della canzone italiana

Anche quest'anno è finita, per fortuna. Per fortuna ma non troppo però, perché tutto sommato quest'edizione del festival di San Remo mi ha finalmente portato a riflettere che valga la pena parlarne. Perché dopo tanti anni di falsi formalismi, prevedibilità e paté-tismi (pateticità sparsa in lungo e in largo come il paté sul pane vecchio e ammuffito), ci sono stati in quest'edizione del festival di San Remo anche novità e cambiamenti.

Autore: 

Sezione: 

Numero: 

In uscita per "La tempesta" "Conquiste" dei Cosmetic

 

Una fresca sera di metà marzo sono invitato a partecipare alle prove dei Cosmetic, rock band riminese che ha sede operativa a Riccione. Non potevo non cogliere l'occasione per una breve ma succulenta intervista. Nati ormai 11 anni fa, dopo un po' di cambi di formazione la band si è stabilizzata a quattro componenti: Bart, cantante e chitarrista; Simo, chitarrista rumoroso e strimpellatore di oggettistica varia; Emily al basso e Mone alla batteria e cori.

Autore: 

Sezione: 

Numero: 

Intervista a Trucebaldazzi, il rapper del momento

 

Dopo lo straordinario successo dei suoi video su Youtube, Trucebaldazzi è approdato al Beky Bay di Bellaria per l'Hip hop festival Troppifiky del 14 luglio. Non potevamo lasciarci sfuggire l'occasione di strappargli qualche parola.

Ciao Truce: ti senti più Truce o più Baldazzi?
Più Baldazzi.

Perchè?
Perchè il mio nome vero è Matteo Baldazzi, Truce è il mio nome d'arte che mi sono dato, ma il nome completo è Trucebaldazzi tutto attaccato.

Autore: 

Sezione: 

Numero: 

La musica secondo Santermete Streaming

Ian curtis, i Joy Division e l'amore che fa a pezzi

Tale Enzo Guaitamacchi, l'autore del libro "Delitti Rock", afferma: "Morire da giovani è la migliore mossa di marketing per un artista", una provocazione certo, messa lì per esasperare, e un po' prendere in giro, l'ideale e lo stile rock estremo fatto di violenza e maledizione. Noi a questa affermazione ci rifiutiamo di credere, soprattutto pensando a Ian Curtis, il leader della storica band dei Joy Division, morto trentuno anni fa.

Autore: 

Sezione: 

Numero: 

Metal e Non Solo

In un pomeriggio buio e noioso di marzo, girovagando febbrilmente per la rete in cerca di qualche passatempo, la mia attenzione viene catturata da un curioso sito.
Il sito in questione si chiama “Map of Metal” (www.mapofmetal.com) e, aprendolo, ci si ritrova immersi in un mondo tutto nuovo. Bisogna solo avere la pazienza di lasciar caricare la pagina -operazione un po’ macchinosa per la maggior parte delle connessioni, in realtà-, ma la vostra pazienza verrà sicuramente ripagata.

Autore: 

Sezione: 

Numero: 

Pagine