Il Festival di Nuovo Teatro Popolare a Rimini

E’ partito lunedì 2 Luglio il festival di Nuovo Teatro Popolare promosso dall’associazione Big Action Money e ospitato presso la sede del Wadada LAB di via Mirandola 11 a Spadarolo di Rimini. La manifestazione ha chiamato a raccolta giovani attori internazionali e locali: nella fattispecie spiccano Teodoro Bonci Del Bene e Irene Muscarà, il primo riminese e la seconda messinese, entrambi ex allievi della Scuola del Teatro d’Arte di Mosca.

Autore: 

Sezione: 

La Fondazione che Diventa Fondazione

L'ente felliniano per eccellenza sta per tagliare nuovi traguardi

Tutti i giornali locali ne hanno parlato. La Fondazione Fellini sta percorrendo l’iter che la porterà giuridicamente e a tutti gli effetti ad essere veramente tale. Nata quindici anni fa per volontà di Maddalena, sorella del maestro, e del Comune di Rimini, la Fondazione si è sobbarcata l’onere di promuovere e continuare a celebrare attivamente la figura del grande regista riminese nel territorio provinciale, nazionale ed internazionale.

Autore: 

Sezione: 

Numero: 

Fondazioni di diritto privato

La fondazione Fellini da associazione a fondazione, che cosa cambierà?

Un fondazione è un ente privato senza finalità di lucro, costituita da uno o più fondatori che mettono a disposizione un determinato patrimonio, detto “sociale”, da destinare a un determinato scopo che può essere di natura religiosa, culturale, educativa, scientifica o altro.

Autore: 

Sezione: 

Numero: 

Sguardi d'autore

Le fotografie e le poesie di Luigi Rusconi sono state esposte dal 16 al 22 Agosto presso la Sala degli Archi di Rimini e saranno in mostra presso la Casa della Cultura di Riccione dal 4 Novembre al 6 Gennaio 2012

Uno sguardo è mutevole per natura, ed è tramite un altro sguardo che a sua volta esso si lascia cogliere. Uno sguardo è un gioco di occhi, che solo altri occhi possono risolvere. La fotografia è una traccia del tempo, ed è un gioco di occhi prima che di tecnica, e allora, che cosa succede quando una macchina fotografica incrocia uno sguardo? Questi sguardi, questi occhi, questi volti rimangono lì, impressi in un istante altrimenti impercettibile, per lasciarsi scrutare, interpretare, entrano dunque in un processo d’arte.

Autore: 

Sezione: 

Numero: 

Arte Estrema

Eron si racconta in un’intervista

Davide Eron Salvadei è ormai uno degli spray artist italiani più affermati. A livello nazionale si è contraddistinto per essere stato il primo writer ad affrescare una chiesa(a S.Martino in Riparotta), con la tecnica della bomboletta. A Rimini gli è stato commissionato il manifesto cittadino della stagione 2011. Le sue esposizioni negli Stati Uniti e più di recente in Germania, a Koln, attestano il suo essere riconosciuto anche nel panorama artistico internazionale.

Autore: 

Sezione: 

Numero: 

NonSensoUnico

Leggete, o dei panda morbidosi moriranno. Con simpatia. -

Diamine! Non bisognerebbe iniziare con esclamazioni e/od imprecazioni, ma bisogna rompere gli schemi eccetera eccetera e quelle cose che volete leggere. Per codesti motivi (vicini o che si riferiscono a coloro a cui si parla) vi comunico che 3 non è il numero perfetto.
Andiamo per ordine:
1 – Molto pratico, è il primo. Avventato o ponderato che sia, arriva subito, tranquillo e preciso, dogmatico, scontato. Almeno al 10%.

Autore: 

Sezione: 

Numero: 

David Cronenberg

Nicholas Tudor si guarda allo specchio. Il suo volto è paralizzato, il sudore bagna la sua fronte, l'orrore urla imprigionato dentro ai suoi occhi. La telecamera si abbassa e mostra il suo addome. Escrescenze si muovono sulla pelle, la disperazione si è fatta carne: maternità viscerale che cova nel corpo di un uomo.
Max Renn gestisce un'emittente televisiva, dà in pasto alla gente una realtà di plastica, la sua merce è l'immagine. Lui stesso diventerà vittima delle proprie illusioni, allucinazioni come ultimo appiglio alla realtà: “Gloria e vita alla nuova carne!”.

Autore: 

Sezione: 

Numero: 

Fangoterapìe (3)

La rubrica che scava nella melma

Napoli è un mondo a sé. Cantanti che nella città partenopea riempiono piazze e vendono migliaia di dischi risultano perfetti sconosciuti se solo si sale di pochi chilometri nella cartina geografica. È un luogo che sa custodire gelosamente i propri idoli e che difficilmente li condivide con altri.
C'è però uno di questi idoli che ne sta valicando i confini e questi è Jo Monaciello, cantante neomelodico satanista.
Possono convivere la passionale musica neomelodica e il satanismo? Possono convivere pari opportunità e Mara Carfagna?

Autore: 

Sezione: 

Numero: 

Pagine